HOMEELETTRONICACOMPONENTIIMPIANTIELETTROTECNICA

FUSIBILI

fusibileI fusibili, come il nome stesso suggerisce, sono dispositivi la cui parte conduttrice fonde per effetto Joule in presenza di correnti con valore maggiore della soglia ammessa. In pratica interrompono il circuito in presenza di sovraccarico o di corto circuito.
In ambito domestico e rispetto al passato hanno perso importanza a favore degli interruttori magnetotermici.

Tutto l'insieme costituito dalla parte conduttrice, dal contenitore isolante e dai contatti, prende il nome di cartuccia e va sostituita, ovviamente, dopo l'intervento. La cartuccia viene alloggiata in un portafusibili.

Per un uso generale esistono fusibili di tipo gG, mentre per la protezione dei motori esistono fusibili di tipo gM e aM.

La corrente nominale è quella che il fusibile può sopportare senza fondere. I valori disponibili, in ampere, sono:

2 - 4 - 6 - 8 - 10 - 12 - 16 - 20 - 25 - 32 - 40 - 50 - 63 - 80 - 100

Esistono anche fusibili con correnti nominali più elevate, ma adoperabili solo da personale addestrato.

PORTAFUSIBILI
sezionatore portafusibili


portafusibili aperto


presa protetta da fusibile fusibile per protezione presa fusibile per protezione presa
presa ptotetta da fusibile


fusibile fusibileAnche i circuiti elettronici, alimentati da tensioni e correnti molto basse, sono spesso protetti con fusibili. Accade in particolare nella sezione di alimentazione. Sono ovviamente più piccoli di quelli utilizzati negli impianti elettrici e si presentano solitamente come nelle foto a sinistra.

All'interno del cilindro trasparente è visibile l'elemento destinato a interrompersi in caso di intervento. Anche in questo caso, per ripristinare il funzionamento del circuito, bisogna sostituirlo con un fusibile dalle identiche caratteristiche. E' opportuno, però, indagare prima sulle cause che hanno portato all'intervento.


fusibile per auto
fusibile per auto da 20A dopo l'intervento



sicurezza elettrica ing. Vito Barone


HOMEELETTRONICACOMPONENTIIMPIANTIELETTROTECNICA