HOMEELETTRONICACOMPONENTIIMPIANTIELETTROTECNICA

IL BJT - TRANSISTOR BIPOLARE

I tre terminali di un BJT sono Base, Collettore ed Emettitore. Con la corrente di base (IB) viene controllata la corrente che scorre tra collettore ed emettitore.
In figura l'analogia idraulica adottata nella pagina introduttiva sui transistor.

analogia rubinetto - BJT

La corrente di emettitore IE quella pi elevata. La freccia indica proprio il verso di questa corrente.

simbolo transistor bjt npnsimbolo transistor bjt npn
NPNPNP

IE = IB + IC

Poich stabilito il verso di IE, risulta stabilito anche il verso di IB e IC (se IE uscente - BJT NPN - IB e IC sono entranti - il contrario per i BJT PNP). Con una piccola corrente IB viene regolato il passaggio di una corrente pi elevata tra collettore ed emettitore.

transistor BJT

In base al terminale posto in comune a ingresso e uscita, possiamo avere tre configurazioni: emettitore-comune, base-comune, collettore-comune. I figura possiamo vedere la schematizzazione della configurazione emettitore-comune in un BJT NPN.

configurazione emettitore-comune

Come gi scritto, un transistor, prima di svolgere la sua funzione, deve essere polarizzato. Vediamo un esempio di polarizzazione, sempre con la configurazione emettitore-comune.

circuito di polarizzazione

Attraverso il trimmer (T) possibile eseguire la taratura della corrente continua di base IB ottenendo la corrispondente corrente di collettore Ic (aumentando IB aumenta Ic). In questo modo impostiamo quello che viene chiamato punto di lavoro a riposo del transistor. Il rapporto tra corrente di collettore e corrente di base prende il nome di guadagno di corrente in continua o statico

hFE = Ic / IB

Non ha unit di misura (numero puro) e indica semplicemente quante volte la corrente di collettore pi alta della corrente di base.
Un modo per polarizzare il transistor BJT nella configurazione emettitore-comune, quello denominato polarizzazione automatica, che prevede una sola tensione continua di alimentazione Vcc.

polarizzazione autoamtica

Ricordiamo che i condensatori non lasciano passare segnali continui. Pertanto i condensatori C1 e C2 confinano l'alimentazione Vcc all'interno del singolo stadio di amplificazione. Invece un segnale variabile Vi pu superare C1 e raggiungere il transistor. Allo stesso modo il segnale amplificato, anch'esso ovviamente variabile, in uscita dal transistor, supera C2 e raggiunge l'uscita.


sicurezza elettrica ing. Vito Barone


HOMEELETTRONICACOMPONENTIIMPIANTIELETTROTECNICA