HOMEELETTRONICACOMPONENTIIMPIANTIELETTROTECNICA

ILLUMINAZIONE INTERNA

TONALITA'
La tonalitÓ di luce da utilizzare non Ŕ solo una questione di gusto personale, ma occorre tener presente che all'aumentare della temperatura di colore (passando da tonalitÓ calde a tonalitÓ fredde - misurate in gradi kelvin), deve aumentare anche il livello di illuminamento.
In pratica si dovrebbe utilizzare una tonalitÓ calda in presenza di un illuminamento basso, come imposto dal fuoco per i nostri avi dalla preistoria fino al secolo scorso.

calda

Con illuminamento elevato, come con la luce diurna, la tonalitÓ dovrebbe essere fredda.

TonalitÓ calda: la temperatura di colore Ŕ inferiore ai 3000 K. Un esempio tipico Ŕ la luce emessa dalle lampade alogene, che solitamente si attestano su 2800 K. Adatta ad abitazioni, alberghi, ristoranti.
TonalitÓ intermedia: la temperatura di colore Ŕ compresa tra i 3000 e i 5000 K. Adatta a negozi, uffici, ospedali, librerie.
TonalitÓ fredda: la temperatura di colore Ŕ compresa tra i 5000 e i 6000 K. La luce Ŕ simile a quella diurna con cielo sereno. Adatta a vetrine, fiorai, tipografie.


LIVELLI DI ILLUMINAMENTO
I livelli sono riferiti all'illuminazione generale (1 lux = 1 lumen / metro quadro):
  • Abitazioni
    • salotto - 150-200 lux
    • soggiorno - 150-200 lux
    • cucina - 200-250 lux
    • camera da letto - 100-150 lux
    • zona di lettura - 300 lux
    • bagno - 100-150 lux
    • corridoi, scale - 50-100 lux
    • garage, cantine, solai - 50-100 lux
  • Cucine --- 125-250 lux
  • Uffici --- 250-500 lux
  • Scuole --- 250-500 lux
  • Negozi --- 250-500 lux
  • Grandi magazzini --- 500-1000 lux

ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA
lampada di emergenzaL'illuminazione di emergenza entra in funzione automaticamente al mancare della tensione. Nelle abitazioni non Ŕ obbligatoria, ma risulta molto utile.
Si attua con singoli apparecchi dotati di batterie ricaricabili, solitamente al nichel-cadmio o al piombo. Possono essere da incasso, a parete, da tavolo o, nel caso di apparecchi di piccole dimensioni, inseribili direttamente in una presa (foto). La batteria dovrebbe permettere l'illuminazione per almeno un'ora.





sicurezza elettrica ing. Vito Barone


HOMEELETTRONICACOMPONENTIIMPIANTIELETTROTECNICA